La focaccia barese, quando la bontà diventa arte - Rondò Hotel a Bari
54692
post-template-default,single,single-post,postid-54692,single-format-standard,qode-core-1.1,ajax_fade,page_not_loaded,,brick child-child-ver-1.0.0,brick-ver-2.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
focaccia barese

La focaccia barese, quando la bontà diventa arte

Se non hai mai provato la focaccia barese non puoi dire di essere stato a Bari.

È una delle principali prelibatezze della gastronomia locale.

Chi ha soggiornato da noi e ha avuto modo di provare la nostra colazione questo lo sa molto bene. La focaccia barese è sempre in bella mostra al buffet.

Almeno fino a quando non va via l’ultima fetta. Quasi fanno a gara, i nostri ospiti, per non aspettare che i nostri artisti in cucina sfornino quella successiva.

La focaccia barese è uno dei simboli della cucina della tradizione.

È figlia della tradizione popolare pugliese. In passato veniva preparata subito dopo l’accensione del forno, prima di infornare il pane. Ecco perché la si mangiava già di buon mattino.

Un prodotto semplice, alla portata di tutti. Ma anche e soprattutto buono da mangiare. Non a caso ha avuto nei secoli una larga diffusione.

Focaccia barese, un consorzio per tutelarla

Sono state naturalmente proposte anche delle varianti. Ma la focaccia barese classica è una sola. Sì, è un prodotto semplicemente unico.

Al punto che è stato creato il Consorzio Focaccia Barese per tutelare “il cibo di cui ogni barese non può fare a meno quotidianamente”.

Già, quotidianamente. Il profumo lo senti già di buon mattino nei vicoli di Bari Vecchia.

La trovi in tutti i panifici. Lo senti nelle scuole, quando i ragazzi la tirano fuori dal loro zaino all’ora della ricreazione.

La vedi sul lungomare, mentre viene gustata durante una passeggiata.

Naturalmente in (quasi) tutte le case dei baresi viene sfornata in quantità industriali.

È davvero facile da preparare. E a che gli ingredienti sono facili da trovare. Anzi, spesso sono già presenti in casa.

Ingredienti semplici per un prodotto unico

Acqua, lievito, farina, pomodorini e olive: è questa la base di una focaccia davvero gustosa.

Naturalmente non mancano le patate (nell’impasto). Oltre al tocco di classe: l’olio extravergine di oliva. Rigorosamente pugliese.

Non è affatto difficile prepararla. Vuoi provare anche tu?

La ricetta della focaccia barese

Giallozafferano.it, sul suo sito web, propone questa ricetta, buona per sfornare due focacce.

Impasto

  • Lievito madre (200 grammi).
  • Farina 0 (300 grammi).
  • Semola di grano duro rimacinata (200 grammi).
  • Acqua (350 ml).
  • Patate (100 g).
  • Olio extravergine d’oliva (50 ml).
  • Sale fino (10 grammi).

Condimento

  • Pomodorini ciliegino (400 grammi).
  • Olive baresane in salamoia (20).
  • Origano (quanto basta).
  • Olio extravergine d’oliva (quanto basta).
  • Sale fino (quanto basta).

Allora, siete pronti a preparare la focaccia barese?

Sicuramente sì. Ma se volete provare il gusto unico della nostra focaccia barese, quella del Rondò Hotel, c’è solo una cosa da fare.

E cioè: chiedere ai nostri chef qual è (o quali sono) gli accorgimenti o ingredienti “segreti” da mettere in campo per gustare un’autentica focaccia barese. 😉

Intanto prova tu.  Seguendo queste raccomandazioni: ungere impasto e teglia.

E poi, occhio ai tempi di cottura. Buon appetito!